La vitamina D e l’efficienza muscolare

Argomento della 394° puntata - 10 dicembre 2019:

La vitamina D è da sempre stata ritenuta tra le più importanti per il corretto funzionamento e sviluppo organico, è infatti imputata in numerosi processi, dal metabolismo del calcio e quindi dell’accrescimento osseo, al sistema immunitario, passando per la salute intestinale. Si tratta di una vitamina liposolubile e, come facilmente intuibile, la ritroviamo soprattutto in alimenti che hanno una certa percentuale di grasso, tra questi sicuramente l’olio, il latte, il tuorlo d’uovo ecc.

Ma è importante sapere che il nostro organismo è in grado di sintetizzare autonomamente vitamina D a patto di essere sufficientemente esposti alla luce del sole, cosa che in questo periodo dell’anno è maggiormente difficoltosa.

Da uno studio piuttosto ampio che ha coinvolto oltre 4000 adulti si è evidenziato come la carenza di vitamina D è correlata con debolezza muscolare nel doppio dei casi nei soggetti con carenza, e le prestazioni muscolari risultano compromesse in termini di efficienza in misura tripla.

La carenza di vitamina D determina direttamente la compromissione della forza e della resistenza muscolare.

D. come possiamo sapere quali sono i nostri livelli di vitamina D e cosa fare in caso di carenza?

La vitamina D è purtroppo carente in moltissime persone, scoprire la propria condizione è semplicissimo, basta fare un banale esame del sangue, non serve neppure l’impegnativa del medico se ci si reca presso un laboratorio privato, fare gli esami del sangue è sempre una buona prassi.

In caso di carenze si può valutare una modifica nelle proprie abitudini alimentari, l’eventuale utilizzo di prodotti arricchiti in vitamina D, o eventualmente fare uso di un integratore a basso dosaggio per il quale si può chiedere consiglio al proprio farmacista.

La compromissione della forza muscolare connessa con la carenza di vitamina D riguarda tra l’altro le persone di una certa età, che rischiano in questo modo di entrare in un pericoloso circolo vizioso in cui la carenza di forza le tiene lontane dall’attività fisica, e questo a sua volta non fa altro che comprometterne l’efficacia.

Questo non significa che persone giovani non possano beneficiare di livelli adeguati, anche per questo (quando climaticamente possibile) è perfetto concedersi l’attività fisica all’aperto lasciando scoperta un’ampia superficie corporea.