Fisici da FaceBook e corpi da spiaggia

La stagione estiva volge al termine e, per dirla alla Bastianich, mi avete diluso alla grande! Da mesi un po’ su tutte le bacheche di facebook non vedevo altro che inviti al salutismo, a quanto è bello allenarsi, tutti a favore della sala attrezzi, anzi no meglio la zumba, e come sono contento che comincio la mattina con i miei integratori a base di… herba a 37 euro a beverone è tutta life (e dopo essere stato spennato, ora provo a fregare anche tutti i miei parenti e amici spacciandomi per pseudo nutrizionista mentre in realtà sono qualcosa di simile ad un venditore della Tupperware), non come voi che bevete latte, che fa male e nessun animale lo beve da adulto (mentre i beveroni fanno impazzire ogni armadillo, ma soprattutto gli stercorari).

E poi quelli che odiano la zumba, e il cardio fa ingrassare, no meglio il metodo ad alta intensità, e quelli che odiano i secchi, quelli che odiano le palette (a no, aspetta, non quei secchi, gli altri, quelli magri), i secchi che odiano i dopati, i dopati che però meglio noi di quelli che fumano e si impasticcano, e quelli che la Coca Cola fa male, non mangiate cibo dalle multinazionali, non mangiate carne, lo zucchero è un veleno ma non ve lo dicono, la farina forma la colla nello stomaco, non mangiate neppure quella, si ma alla fine cosa cazzo mangio?

Quelli che i veleni bianchi, quelli che i cereali fanno male ma non vi dicono neppure questo (ma se nessuno lo dice tu come diavolo fai a sapere tutte queste cose?!) quelli che hanno attribuito al prof Berrino più frasi di quante se ne attribuiscano a Jim Morrison, e i vegani, e i fruttariani, e i respiriani, e il bilderberg (che in tutto questo non c’entra nulla ma tanto neppure il resto ha molto senso), e quella personal trainer che ogni 3×2 pubblica foto del prima e dopo dei suoi clienti, ogni 2×3 le sue foto con vestiti e pose degne di un catalogo di battone escort tanto che mi viene il dubbio su come faccia a far dimagrire i suoi clienti, e avendo messo su qualche chiletto anche io… quasi quasi una telefonata gliela faccio… E la prova costume, e la dieta del miele, e quella del freddo, e quella della banana, e quella della patata (secondo me la migliore)… insomma… sono arrivato in spiaggia con la felpa convinto di trovare orde di fisicati intenti a mangiare insalata e pollo, e qualche manciata di riso basmati (ma solo il giorno di ferragosto per lo sgarro dei giorni festivi).

Invece mi guardo in giro da sotto l’ombrellone e vedo bambini obesi ovunque, con genitori obesi, nonne obese, grasso che cola che neppure alla sagra della porchetta di Ariccia, gente che inizia con la seconda colazione alle 10.00, tramezzini, panini con la salsiccia, borse frigo che metterebbero a dura prova qualsiasi culturista nel trasporto su spiaggia, tatuaggi di farfalline che anno dopo anno sono diventate falene, allora mi chiedo: cos’è che non ha funzionato? Persone in forma si contano sulle dita di una mano, ad eccezione di Senegalesi, Pachistani e venditori di cocco, che fanno su e giù per l’arenile sino a sera, e anche senza la cronodieta sono dimagriti per forza!

Che sia un complotto delle aziende che producono le creme abbronzanti? (più si è grassi più se ne spalma e si arricchiscono le multinazionali! sveliaaaaaa!! gomblottochitipaka). Va beh non pensiamoci, ancora poche settimane di sole, poi maglioni sblusati, felpe e tute extralarge daranno un po’ di tregua, e magari con qualche settimana di allenamento (ad anni bisestili alterni, perchè il muscolo cresce quando ti riposi) si potrà trasformare il grasso in muscolo, ma solo se avete scelto come personal trainer lo stesso che tramutava l’acqua in vino… buon rientro.

alimentazione alimenti allenamento BCAA bodybuilding bruciagrassi bufale caffeina caffè calcio cancro carboidrati cardiofitness carnitina coronavirus cut definizione muscolare dieta dieta alkalina dimagrire distrofia muscolare doping età evolutiva fenomeni del fitness halloween integratori kettlebell miele motivazione ortoressia paleodieta paleofitness pedagogia ph proteine prova costume rimini wellness running scienze motorie sistema immunitario sovrappeso tapis roulant torsioni con bastone veg vegano

Post Correlati

Ancora nessun commento, fai sentire la tua voce!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *